Doppia Accensione

1 1 1 1 1 Valutazione 3.57 (49 Voti)

La Doppia Accensione è un fenomeno di combustione anomala che si potrebbe verificare in cartucce da Carabina dove il volume e la lunghezza di Canna permettono lo svolgersi delle consecutivita' che portano, in pratica, parte della polvere ancora incombusta, lanciata dallo scoppio della polvere piu' vicina all'Innesco, a proiettarsi in canna, dietro alla palla che sta uscendo, e ad un immediato secondo scoppio, causato dal repentino aumento delle pressioni a causa del rallentamento della palla. Praticamente, una parte di polvere si accende iniziando a spingere palla e polvere, verso la canna, ma e' poca per cui la palla ad un certo punto rallenta e le pressioni che stavano scendendo, si rialzano visto che dietro altra polvere sta ricominciando a bruciare. Cosi' facendo avviene una detonazione in piena canna, dove normalmente non dovrebbe avvenire.

Stampa

Commenta (3 Commenti)

Ricarica del 12 a pallettoni

1 1 1 1 1 Valutazione 4.30 (60 Voti)

Ricarica a Pallettoni

In questo articolo trattiamo l'argomento 'Ricarica' per i colpi cal 12 a Pallettoni utilizzabili per la caccia o per il tiro. Non è difficile. Basta procurare il materiale necessario per l'operazione e qualche piccolo strumento facile da trovare...

 

Stampa

Commenta (0 Commenti)

10 mm Auto, Passato e Presente

1 1 1 1 1 Valutazione 4.31 (72 Voti)

10mm AutoAll’inizio degli anni settanta nacque la storia di una delle più belle cartucce mai ideate: il 10mm Auto. Questa cartuccia doveva colmare il vuoto tra il 9 mm ed il Calibro .45. Già nel vecchio West s’iniziò a fare esperimenti per un calibro intermedio tra i vari .36/.38 e .44/.45 dell’epoca. Così apparve la .38/40 Winchester Center Fire (WCF), nata per il restringimento del Colletto della .44/40 WCF e fu camerata nel Winchester 1873 e nella Colt 1873 Single Action Army. Pur chiamandosi “38”, montava una palla da .400 pollici ed era così la prima 10 mm “di serie”. Nello stesso periodo, l’esercito italiano stava perfezionando il calibro 10,35 o 10,40 mm Ordinanza Italiana per usarlo nel Revolver modello 1874.

Stampa

Commenta (0 Commenti)

Origini della Polvere da Sparo

1 1 1 1 1 Valutazione 4.07 (42 Voti)

La polvere da SparoLe origini della polvere da sparo sono incerte ed avvolte nelle nebbie del tempo ed è difficile farsi strada tra le numerose fonti storiche certe ed incerte fornite anche da tutte quele popolazioni che ne rivendicano la paternità ed il merito. Non esiste una data sicura sulla sua invenzione ma i riferimenti più antichi a miscele deflagranti composte da salnitro, carbone e zolfo, risalgono ai manoscritti degli alchimisti cinesi del VIII e  del IX secolo. Seguendo i popoli asiatici durante le migrazioni mongoliche, questi composti sono giunti fino ai greci ed agli arabi e poi verso tutti gli altri popoli.

Stampa

Commenta (0 Commenti)

La Bilancina per la Ricarica

1 1 1 1 1 Valutazione 4.21 (57 Voti)

La BilancinaLa bilancina è uno strumento indispensabile per colui che ricarica le munizioni, dotata di precisione straordinaria, con essa si misurano e si verificano le dosi di polvere che vengono utilizzate durante le operazioni di assemblaggio delle munizioni, qualche volta (nel tiro di precisione) si misurano anche i pesi delle palle e dei bossoli. Sul mercato, i prodotti a disposizione sono centinaia ma le caratteristiche che una buona bilancina dovrebbe sono poche quindi meglio sceglierla con attenzione. I costi non sono proibitivi.

 

Stampa

Commenta (0 Commenti)

I Bossoli

1 1 1 1 1 Valutazione 4.56 (113 Voti)
Il Bossolo può essere definito come il componente più interessante nella ricarica delle munizioni, contiene la polvere e collega tra loro gli altri componenti del proiettile (Palla ed innesco). Il bossolo inoltre aderisce alla camera di scoppio, dopo lo sparo, garantendo il mantenimento dei corretti valori pressori. Forme, dimensioni e diverse caratteristiche costruttive li differenziano moltissimo tra loro rendendoli notevolmente differenti ed adatti ad armi ed impieghi specifici.

Stampa

Commenta (0 Commenti)

Il martello cinetico

1 1 1 1 1 Valutazione 4.26 (73 Voti)

Il Martello CineticoIl Martello Cinetico è uno strumento utile e sempre indispensabile per il tiratore che ricarica le proprie munizioni. Permette infatti di smontare in assoluta sicurezza un colpo ricaricato male o di incerta preparazione separando la palla dal bossolo per estrarre la polvere contenuta nella munizione. Si tratta di uno strumento fatto a forma di martello ma con la testa cava. Generalmente è fatto di plastica rigida o polimeri plastici ed il suo prezzo può variare tra i 20 ed i 30 euro. In commercio esistono numerosi tipi e modelli disponibili. In realtà la differenza tra un prodotto e l'altro è relativamente modesta. Perlopiù varia la forma ed il colore. Vediamo in questo articolo, come si usa e come funziona.

Stampa

Commenta (0 Commenti)

La Pressa per la ricarica

1 1 1 1 1 Valutazione 4.82 (44 Voti)

Presse per la ricaricaLa pressa è lo strumento che il tiratore utilizza per le operazioni di Ricarica delle Munizioni. Ne esistono numerosi tipi, alcune sono molto semplici ed economiche mentre altre sono di costruzione complessa e richiedono un intervento minimo da parte dell'operatore. Il principio di funzionamento di tutti i modelli è il medesimo: la macchina è munita di un pistone sopra il quale si fissa il Bossolo che vogliamo ricaricare. Tirando una leva attaccata al pistone, il bossolo viene forzato dentro appositi stampi chiamati DIES ognuno dei quali compie un'operazione specifica. Al termine di queste operazioni, esce dalla macchina un colpo finito.

 

Stampa

Commenta (0 Commenti)

Tabelle di Conversione

1 1 1 1 1 Valutazione 0.00 (0 Voti)
Grains x 0.0648 = gram
Gram x 15,432 = grains
Gram x 0,03527 = ounce
Kg x 2,205 = pound
Pound x 0,4536 = Kg
ounce x 28,35 = gram
Tum (inch) x 25,40 = mm
Fot (feet) x 0,3048 = meter
Yeards x 0,9144 = meter
mm x 0,03937 = tum (inch)
Meter x 3,281 = fot(feet)
f/s x 0,3048 = m/sek
Meter x 1,094 = yards
m/sek x 3,281 f/s (feet(sec))
psi (pound/tum²) x 0,06804 atmosphare
psi (pound/tum²) x 0,07031 Kg/cm²
psi (pound/tum²) x 0,06897 bar
bar x 14,50 psi (pound/tum²)
Atmosphare x 14,70 psi (pound/tum²)
Atmosphare x 1,0333 kg/cm²
kg/cm² x 14,22 psi (pound/tum²)
kg/cm² x 0,9678 atmosphare
Kgm x 7,233 Ft,lbs (foot pounds)
Kgm x 9,804 joules
Ft,lbs (foot pounds) x 0,1383 Kgm
Joules x 0,1020 Kgm

Stampa

Commenta (0 Commenti)

Stopping Power

1 1 1 1 1 Valutazione 4.04 (27 Voti)

Con il termine Stopping Power o potere d' arresto, intendiamo la capacità di una cartuccia di incapacitare l'avversario in modo che la minaccia alla quale un individuo e sottoposto, venga subito meno. Anche un proiettile che non uccide ma che è grado di rendere momentaneamente l' avversario incapace di reagire può avere un ottimo Stopping Power. Sebbene tutte le cartucce, anche quelle di piccolo e piccolissimo calibro siano capaci di fermare un aggressore se colpiscono un organo vitale, lo studio del potere di arresto cerca di definire la capacità di una munizioni di generare danni o lesioni capaci di fermare la minaccia tenendo conto del fatto che non sempre il colpo colpisce una zona vitale.

Stampa

Commenta (0 Commenti)