Training on Combat

1 1 1 1 1 Valutazione 4.42 (33 Voti)

Training on CombatDopo la lettura del libro ON COMBAT di Dave Grossman* (che tante utili informazioni fornisce circa quello che succede “quando succede” nel nostro corpo e che consiglio di leggere per una migliore comprensione di questa relazione), ho voluto iniziare a verificare, nei limiti delle mie possibilità, quello che possa veramente alterarsi in noi durante un impiego estremo di un’arma in contesti in cui sia chiara la percezione del pericolo imminente di vita. Ho voluto quindi cercare di ricreare, al massimo delle possibilità ambientali, un ipotetico scenario di uso difensivo dell’arma così come in genere facciamo in poligono o come ci viene ricreato durante lo svolgimento dei normali corsi più o meno pretesamente operativi svolti presso TSN o cave, ecc.

AVVISO IMPORTANTE: le informazioni che seguono si intendono fornite solo per uso accademico/teorico. L’Autore del presente lavoro e l’Amministrazione del sito ospitante declinano ogni responsabilità per qualsiasi danno che possa derivare dall’abuso o errata esecuzione di quanto di seguito illustrato, poiché le tecniche seguenti sono tutte attività ad alto rischio, che possono comportare incidenti anche mortali. Allenatevi alla loro messa in opera solo dopo essere certi di aver ben compreso le giuste procedure: in caso dubbio non rischiate ma domandate all’Autore. Ricordate che voi siete personalmente responsabili di imparare l’uso e le misure di sicurezza relative a tali tecniche e che voi unicamente vi assumente completamente tutti i rischi e le responsabilità per ogni danno, ferita o anche morte che possa derivare a voi o a terzi per l’errato utilizzo di ogni tecnica di seguito illustrata. Se non siete pronti ad assumervi tali rischi e responsabilità evitate di utilizzare queste procedure.

Quello che infatti ci viene proposto è quasi sempre uno scenario in cui siamo noi e il o i bersagli: oggetti in cartoncino appesi alla stecca di legno, che stanno lì, immobili ed ai nostri comodi. Nella realtà ovviamente tutti sappiamo che non sarebbe così: avremo uno o più bersagli armati che, probabilmente muovendosi, cercheranno di sopraffarci disarmandoci, aggredendoci o sparandoci.
Una cosa molto diversa dalla sagoma.

On Combat di David GrossmanOra: il libro di Grossman fornisce interessanti punti fermi quali le alterazioni fisiologiche legate ed espresse dall’aumentata frequenza cardiaca in rapporto di feedback continuo: le alterazioni ambientali (paura, stress indotti dall’aggressione) inducono ad una alterazione cardiaca e l’alterazione cardiaca induce alterazioni funzionali anche di grande entità sotto il profilo della capacità al compimento dei movimenti fini (come p. es. usare la leva di hold open) e movimenti complessi (p.es. coordinamento del movimento e tiro, estrazione e movimento, cambio caricatore e movimento, ecc.).

Il sottoscritto quindi si è munito di un pulsiossimetro (strumento medico che rileva il tasso di ossigeno nel sangue e frequenza cardiaca) ed ha effettuato alcuni esercizi di tiro difensivo (diciamo così) per osservare quelle che potessero essere le alterazioni metaboliche prima e dopo il loro svolgimento. Alcune premesse: l’esperimento non ha ovviamente pretese di scientificità né di completezza, anzi dico fin da ora che vorrò svolgere ulteriori prove con altre premesse ambientali e situazionali proprio per vedere meglio come stanno le cose. Però già alcuni interessanti risultati e spunti di riflessione emergono da questa prima tornata di prove.

GLI ESERCIZI

Secondo gli studi di Grossman un aumento del ritmo cardiaco, come generato dall’aumento di stress e paura determina le seguenti alterazioni (**).

Training on combat

In una parola uno scadimento delle normali funzioni corporee all’aumentare della frequenza cardiaca: più si ha paura, più il cuore batte rapidamente, più batte rapidamente più noi regrediamo sotto il profilo comportamentale, passando da uno stato di quiete/rilassatezza dei 80-100 battiti (colore bianco) al totale scadimento di ogni nostra capacità mentale e materiale >175 bpm -battiti per minuto- tipico dello stato color nero. E in questo stato maneggiare un’arma è un pasticcio.

Gli esercizi che ho quindi effettuato oggi e che sono illustrati dal seguente schema, sotto stati svolti rilevando (attraverso lo strumento pulsiossimetrico OHMEDA ID 330-09) il battito cardiaco prima dell’esercizio e dopo l’esercizio, sparando sempre due caricatori da 13 colpi (e quindi con cambio d’emergenza del caricatore in movimento per simulare la necessità di allontanarsi dall’aggresssore posto dai 2 ai 4 mt. da me, secondo una prospettiva di distanze statistiche medie di difesa).

Ogni rilevazione dopo l’esercizio è stata fatta subito e respirando lentamente, per cercare di riportare l’organismo allo stato di quiete.
A seconda dell’esercizio venivano sparati da 1 a 3 colpi da fermo o in movimento, se del caso con estrazione da sotto le vesti.
Ho voluto anche osservare la c.d. HIT RATIO= la variazione di capacità di attingere il bersaglio sotto stress rispetto ad una normale sessione di tiro, esente da ogni velleità estremizzata. I tempi di esecuzione sono stati di 2”.

Il freddo ambientale mi ha intirizzito le mani sin dall’inizio, stato fisico che ho voluto considerare come una diminuita capacità di abilità motorie fini tipica dello stato cardiaco fra i 115 e i 145 bpm; segnalo però che, anche grazie alla Glock, predisposta ad uno uso grossolano, e grazie alle tecniche di uso difensivo tese alla sostanza esecutiva ed efficacia finale da me utilizzate, ho perso via via la sensazione di handicap alle mani (forse anche complice l’accaloramento che il metabolismo accelerato generava col tempo). Certo è che una volta in più mi son reso conto che se avessi dovuto chiudere il carrello con l’hold open anziché “a mano” avrei perso tempo prezioso.

1. Tiro da fermo con estrazione concealed, due colpi ogni volta

Prima dell'esercizio:Ossimetria 95/ Battito Cardiaco72
Dopo l'esercizio: Ossimetria 96/ Battito Cardiaco110HIT RATIO: 25 colpi su 26 a bersaglio, sparando senza mirare, ma solo puntando il mirino al torso del bersaglio.

2. Dopo 3 min. ho ripetuto l’esercizio

Prima dell'esercizio:Ossimetria 97/ Battito Cardiaco73
Dopo l'esercizio: Ossimetria 97/ Battito Cardiaco 100HIT RATIO: 26 colpi su 26 a bersaglio, sparando senza mirare, ma solo puntando il mirino al torso del bersaglio. 

3. da fermo in posizione SUL frontale, 2 colpi ogni volta

Prima dell'esercizio:Ossimetria 95/ Battito Cardiaco73
Dopo l'esercizio: Ossimetria 96/ Battito Cardiaco 100HIT RATIO: 26 colpi su 26 a bersaglio, sparando senza mirare, ma solo puntando il mirino al cerchio nel torso del bersaglio. 

4. da fermo in posizione SUL, 1 colpo ogni volta, in testa

Prima dell'esercizio:Ossimetria 95 / Battito Cardiaco 99
Dopo l'esercizio: Ossimetria 95 / Battito Cardiaco 105HIT RATIO: 25 colpi su 26 a bersaglio, sparando senza mirare, ma solo puntando il mirino alla testa del bersaglio a 4 mt. 

5. in movimento clock walk “ad ore 7”, con estrazione concealed

Prima dell'esercizio:Ossimetria 95 / Battito Cardiaco 100
Dopo l'esercizio: Ossimetria 94 / Battito Cardiaco 135HIT RATIO: 25 colpi su 26, a bersaglio inizialmente a 1 mt., sparando solo puntando l’arma al torso del bersaglio, secondo la tecnica metal & meat 

6. in movimento clock walk “ad ore 5” sia ad una mano che due, con estrazione concealed.

Prima dell'esercizio:Ossimetria 94 / Battito Cardiaco 100
Dopo l'esercizio: Ossimetria 95 / Battito Cardiaco 138HIT RATIO: 26 colpi su 26, a bersaglio inizialmente a 1 mt., sparando solo puntando l’arma al torso del bersaglio, secondo la tecnica metal & meat

7. in movimento clock walk “ad ore 1”, con estrazione concealed

Prima dell'esercizio:Ossimetria 94 / Battito Cardiaco 111
Dopo l'esercizio: Ossimetria 95 / Battito Cardiaco 149HIT RATIO: 25 colpi su 26 a bersaglio inizialmente a 4 mt., sparando solo puntando l’arma al torso del bersaglio, secondo la tecnica metal & meat

8. in movimento clock walk “ad ore 7”, con estrazione concealed.

Prima dell'esercizio:Ossimetria 94 / Battito Cardiaco 112
Dopo l'esercizio: Ossimetria 94 / Battito Cardiaco 129HIT RATIO: 25 colpi su 26 a bersaglio inizialmente a 1 mt., sparando solo puntando l’arma al torso del bersaglio, secondo la tecnica metal & meat

NOTE

durante lo svolgimento degli esercizi 5-6-7-8 ho notato, tentando si spingere al massimo la velocità di esecuzione, un indubbio deterioramento della fluidità del movimento per l’estrazione, dovuto ad un non più perfetto scostamento del giubbotto (un 5.11) ed una non perfetta presa dell’arma: quando si “tira via” le cose non vengono mai bene! più si vuole tirare via più le cose vengono peggio. Quando si ha paura molto probabilmente, secondo quanto dice Grossman, la fretta generata dalla nostra fisiologica richiesta al corpo di “fare presto per eliminare quanto prima la minaccia”, creerà degli intoppi, che solo un intenso allenamento che ci possa portare all’autoplay, potrà evitare al massimo. In effetti, restando nei 2” medi di esecuzione delle singole serie, nessun errore di esecuzione ha inficiato l’efficacia finale dell’azione.

CONCLUSIONI

Intanto ripeto che questo esperimento estemporaneo non ha velleità di completezza e scientificità, ma comunque alcuni spunti di riflessione me li ha forniti:

  • possiamo osservare che una grossa alterazione del metabolismo, quando si faccia tiro da fermo, non si registra, sebbene io abbia cercato di fare ogni cosa al massimo della velocità possibile (immaginando p.es. che il tipo scattasse verso di me);
  • una certa alterazione si registra invece quando si inizi a muoversi con movimenti fulminei ed esplosivi come credo chiunque farebbe bene ad attuare allorquando altri stiano aggredendolo, per cercare un riparo o allontanare la minaccia da sé;
  • il picco massimo registrato (149 bpm) è comunque entro la soglia che Grossman classifica come di massimo rendimento ottimale della reazione difensiva sotto il profilo del coordinamento neuromuscolare;
  • la hit ratio non mostra significative variazioni rispetto ad un tiro estremizzato come quello odierno*** posto che secondo un tiro di questo tipo**** tutti i colpi vanno praticamente a bersaglio;
  • dunque, in base agli ultimi due punti che precedono un allenamento limitato ad un tiro verso bersagli di carta NON è da considerarsi idoneo a ricreare neanche lontanamente un contesto di alterazione quale quella che avremmo nella realtà, poiché al massimo si giunge alla soglia dei 145 bpm, nella quale l’organismo conserva la sua massima resa e coordinamento, ma NULLA testa e prepara oltre la soglia nella quale invece tutto inizia ad andare storto, sfuggendo al nostro controllo corporeo e mentale: un allenamento del genere è quindi illusorio.
  • diverse le cose dovrebbero andare invece quando appunto si instilla all’operatore /cavia una paura quale quella data dal realismo di avere di fronte a sé uno e più avversari “reattivi” capaci di darci una bastonata o una pistolettata: il force on force col soft air è dunque un campo di addestramento tutto da valutare secondo queste prospettive, che infatti sarà l’oggetto della terza parte della mia indagine. In quella sede, con personale mentalmente non preparato a questi contesti, scarsamente addestrato, ma capace di tirare fuori la genuina risposta di chi ha paura di beccarsi un pallino e quindi di provare dolore, sarà interessante vedere il prima ed il dopo….. e anche il durante;
  • intanto io continuerò da solo l’indagine, inventandomi altri scenari, oggetto della seconda prossima parte….
     

(*) “ON COMBAT. Psicologia e fisiologia del combattimento in guerra e pace.”. Trad. Comolli, Ediz. Libr. Militare, 2009, Milano.
(**) Schema realizzato dal sottoscritto ex art. 70 L. 641/33.
(***) Nei limiti in cui può considerarsi tale ossia verso una sagoma inerte, ma solo andando alla max velocità esecutiva possibile.
(****) SENZA una vera paura data dalla percezione del pericolo come p.es. avremmo anche solo impiegando un’arma soft air verso altri che ci stiano sparando con altrettanta arma, che ha pallini che fanno male

 

Stampa

Non sei autorizzato ad inserire commenti.

Comments powered by CComment