Glockenstein

1 1 1 1 1 Valutazione 3.90 (20 Voti)

Il presente articolo trae origine da una richiesta fattami dall’amico Massimo/maske70, in ordine alla fattibilità giuridico tecnica di assemblare una Glock con telaio .40sw con canna e caricatore da 9mm.

Circa la fattibilità giuridica nulla quaestio: convertire una Glock 22/23 con una canna della 17/19 è specificamente previsto in sede di catalogo nazionale. L’amico maske70 chiedeva lumi sulla convenienza tecnica, ovvero se da tale fusione potessero derivare significative perdite in termini di giustezza e precisione del tiro. Ecco allora il resoconto di tale liaison ottenuto dall’unione di una canna della G19 con il telaio e carrello della G23. a maggior beneficio dei lettori ho scattato alcune foto esplicative.

Attenzione: Questo articolo è stato realizzato unicamente a scopo Didattico. Si Sconsiglia di effettuare qualunque tipo di operazione qui descritta. GlockensteinGlock a ConfrontoNella prima foto a sinistra, si apprezzano le differenze dimensionali dell’accoppiamento fra canna e carrello della mod. 23 (a sinistra) e della 19 (a destra), che si contraddistingue anche per i punzoni sulla faccia superiore della camera di cartuccia.

Nella Seconda Foto ecco frankenstein!!: appena assemblata la canna della 19 sul carrello della 23: evidenti gli spazi che il tenone superiore della canna lascia sulla faccia superiore del carrello della 23 (cfr. foto 1).
La CannaNella foto a Sinistra si evidenziano gli spazi che la canna della 19 lascia sulla parte interna superiore del foro canna/carrello della 23, assenti invece con la canna della sorella maggiore.

LA PROVA DEL FUOCO
Per rispondere alla curiosità di maske 70 abbiamo dovuto… sparare con Glokkenstein.

Nella successiva foto (primo bersaglio a sinistra) sono stati sparati 10 colpi su due bersagli impugnando a due mani posizione weaver a mt 25 con palla in lega ternaria 122 grs. TCBB.
Nella foto, il bersaglio superiore è stato realizzato dal sottoscritto, quello inferiore dal proprietario della G19. Per amor di verità entrambe le armi, normalmente assemblate, regalano grandi soddisfazioni in termini di precisione e giustezza ai rispettivi proprietari….

...cercando di giustificare lo scarso risultato abbiamo pensato di tirare con le stesse modalità ulteriori 10 colpi ciascuno utilizzando stavolta palle FMJ: il secondo Bersaglio illustra i risultati.

Bersaglio 1Bersaglio 2Bersaglio 2Bersaglio 4

Nel terzo Bersaglio la prova è stata ripetuta dal sottoscritto sparando stavolta a 12 mt con munizione come da scrittura sul bersaglio: il risultato migliora (il 7 a ore 11 è un flyer). Nell'ultimo Bersaglio altra prova con diversa munizione….
da notare che l’arma a questa distanza tendeva ad andarmi alta, forse per motivi velocitari? oppure anche per la postura che la canna ha sul carrello/mirino durante il tempo di canna del proiettile? (cfr. foto 3)

I BossoliNella foto a Destra, i bossoli di risulta: direi molto buona la percussione, potente e centrata, nonostante forse i disassamenti fra asse canna e faccia otturatore/foro uscita percussore, quest’ultimo lanciato da molla extra power da 6 lbs.

CONCLUSIONI veloci, per un articoletto veloce...

 

  1. L’arma funziona bene, nessun inceppamento.
  2. Circa la precisione a 25 mt. boh, colpa dei tiratori? ripeto: le armi naturali nelle mani dei proprietari, quando in giornata, sono capaci di far rodere dalla invidia gli altri tiratori.
  3. a 12 mt. la rosata è discreta nonostante un piccolo difetto di giustezza verso l’alto (anche se, a onor del vero, il bersaglio era attaccato in alto rispetto al tiratore=trave del TSN).

Concludendo le conclusioni: forse da riprovare la precisione sui 25 mt.; del resto a 12 mt. la rosata si è stretta di molto..

Stampa Email