Modificare il dosapolvere Dillon

1 1 1 1 1 Valutazione 5.00 (1 Voto)

Il Dosatore DillonQuella che vi presento è una semplice modifica da effettuare al sistema di dosatura presente sulle presse Dillon modello 550 e modello 650. Probabilmente, potrebbe essere, con qualche adattamento, adeguato anche alle presse modello Square e modello 1050. Con questa modifica, ho preso in considerazione il rifacimento della vite che movimenta il cassettino dosa-polvere dal momento che il meccanismo che viene fornito in dotazione con la macchina non è a mio parere molto efficace e neppure troppo pratico durante l'utlizzo.

In sostanza si tratta di sostituire i seguenti particolari: 13943 Powder bar bolt (bullone) e 13958 Powder bar bolt washer (rondella). Detti particolari sono identici sia per il cassettino dosa-polvere SMALL (cod.20062) sia per il LARGE (cod.20063).

I vantaggi della modifica sono quelli di poter avere una “maggiore sensibilità”, che si traduce in una dosatura più precisa, e nella possibilità di impostare la dosatura manualmente e senza ausilio di chiavi (per di più in pollici), cosa che invece si deve fare con la vite fornita con la pressa . Si noti che, a seconda dei modelli, la chiave per eseguire la regolazione non viene neppure fornita e si è costretti ad arrangiarsi con ingombranti chiavi a rullino.

Dosatore Dillon Dosatore Dillon Dosatore Dillon
     

Nella foto è possibile vedere come si presenta il cassettino fornito di serie. Quello da noi preso in considerazione è in versione Large ma, ma come già detto, vale lo stesso discorso anche per lo small. Più nel dettaglio si può notare la “ridicola” rondella, evidenziata dalla freccia, posta sotto la testa della vite di regolazione, ed ancora la testa esagonale del bullone tramite il quale si effettua la regolazione.

Parti del Dosatore Dillon Parti del Dosatore Dillon
i vari componenti forniti con la pressa la vite di regolazione che ho progettato e realizzato

Ecco nella foto la vite di regolazione che ho progettato e realizzato; la potete vedere sia in acciaio inox che in ottone, entrambi materiali inattaccabili dalla ruggine, con indubbio vantaggio sia dal punto di vista funzionale che estetico.

Ho scartato a priori l’alluminio perché, anche se la vite deve sopportare scarse sollecitazioni, questo è un materiale troppo morbido e pastoso, che mal si adatta a lavorare con accoppiamento filettato, ovvero quello vite/cassettino in oggetto.

La vite realizzata è perfettamente intercambiabile con quella di serie, ovvero conserva lo stesso filetto e possiede lo stesso interfaccia che consente di montare i Powder bar post (sia 13951 small, sia 13893 large). Avrei potuto procedere diversamente, ovvero avrei potuto realizzare una vite con passo di filettatura metrica, ma sarei stato costretto a rifare anche il cassettino per avere la stessa filettatura. Inoltre, visto che il passo della filettatura originaria era abbastanza fine e tale da non compromettere la precisione della dosata, ho preferito limitare l’intervento solo alle porzioni che necessitavano una miglioria.

Come si evince dalle foto, la nuova vite presenta alla sua estremità un pomolo zigrinato; avrei potuto anche realizzarlo di un diametro maggiore, ma mi sembrava troppo sproporzionato ed anti-estetico. Detto pomolo consente la regolazione manuale, e volendo si possono riportare sullo stesso dei riferimenti (ad esempio di dosature per calibri diversi), che possono essere tracciati semplicemente con un pennarello indelebile o con la punta di un cacciavite.

Nella foto successiva si evidenziano la molla e le due rondelle che completano l’opera. La molla ha la funzione di “mantenere in tiro” la vite, quindi di garantire nel tempo la dosatura impostata e nel contempo di opporre la giusta resistenza quando si agisce manualmente sul pomolo per variare la regolazione.

La vite riprogettata Parti del Dosatore Dillon
Vite e molla lavoro finito

Le due rondelle hanno una funzione di “reggi-spinta” per la molla e preservano da usura sia il sotto-testa della vite che il cassettino dosatore. Quanto sopra descritto, come già detto, non stravolge il progetto originario, ma ritengo che la miglioria apportata generi degli indubbi benefici che si traducono in maggiore facilità di utilizzo e maggiore precisione nell’impostazione della dosatura.

Tags: DIY

StampaEmail